SAM_0004



SAM_0005



SAM_0006



SAM_0009



SAM_0013



SAM_0014



SAM_0017



SAM_0018



SAM_0029



SAM_0035



SAM_0048



SAM_0049



SAM_0051



SAM_0054



SAM_0056



SAM_0059



SAM_0060



SAM_0061



SAM_0063



SAM_0066



SAM_0067



SAM_0068



SAM_0069



SAM_0075



SAM_0077



SAM_0080



SAM_0081



SAM_0092



SAM_0115



SAM_0126



SAM_0131



SAM_0132



SAM_0136



SAM_0137



SAM_0139



SAM_0140



SAM_0141



SAM_0163



SAM_0171



SAM_0176



SAM_0184



SAM_0190



Mercoledì delle Ceneri
10 febbraio 2016

Il cammino di Quaresima che iniziamo oggi ci porterà a scoprire diverse sfaccettature della Misericordia. 
Ogni domenica, riscoprendo le opere di misericordia spirituale, ci vogliamo “profumare” di bontà, attraverso le buone azioni che esse ci ispirano e ci insegnano. 
L’insegnamento tradizionale della Chiesa condensa intorno alle pratiche del digiuno, della preghiera e dell’elemosina le pratiche penitenziali che, mediante il nostro apostolato, saremo in grado di aiutare i nostri fratelli che sono ancora nel dubbio, se credere nel Vangelo oppure negare, non avendo la fede. 
Questa pratica che possiamo mettere in atto con i nostri fratelli ci suggerisce l’opera di Misericordia spirituale di oggi: CONSIGLIARE I DUBBIOSI.
La prima faccia quindi della Misericordia è aiutare le persone che ci circondano a dipanare i dubbi e scopriremo in questo modo che MISERICORDIA è CONVERSIONE

Vangelo Mt 6,1-6.16-18
Il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.

Dal vangelo secondo Matteo
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«State attenti a non praticare la vostra giustizia davanti agli uomini per essere ammirati da loro, altrimenti non c’è ricompensa per voi presso il Padre vostro che è nei cieli.
Dunque, quando fai l’elemosina, non suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipòcriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere lodati dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, mentre tu fai l’elemosina, non sappia la tua sinistra ciò che fa la tua destra, perché la tua elemosina resti nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando pregate, non siate simili agli ipòcriti che, nelle sinagoghe e negli angoli delle piazze, amano pregare stando ritti, per essere visti dalla gente. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu preghi, entra nella tua camera, chiudi la porta e prega il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.
E quando digiunate, non diventate malinconici come gli ipòcriti, che assumono un’aria disfatta per far vedere agli altri che digiunano. In verità io vi dico: hanno già ricevuto la loro ricompensa. Invece, quando tu digiuni, profùmati la testa e làvati il volto, perché la gente non veda che tu digiuni, ma solo il Padre tuo, che è nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà».