SAM_0002



SAM_0003



SAM_0004



SAM_0005



SAM_0006



SAM_0009



SAM_0010



SAM_0013



SAM_0016



SAM_0017



SAM_0018



SAM_0019



SAM_0020



SAM_0021



SAM_0022



SAM_0042



SAM_0053



SAM_0057



SAM_0059



SAM_0063



SAM_0065



SAM_0067



SAM_0070



SAM_0071



SAM_0073



SAM_0074



SAM_0075



SAM_0076



SAM_0077



SAM_0078



SAM_0081



SAM_0082



SAM_0083



SAM_0084



SAM_0086



SAM_0087



SAM_0089



SAM_0091



SAM_0097



SAM_0100



SAM_0101



SAM_0102



SAM_0108



SAM_0112



SAM_0116



SAM_0121



SAM_0122



SAM_0123



SAM_0125



SAM_0126



SAM_0127



SAM_0128



SAM_0129



SAM_0130



SAM_0131



SAM_0132



SAM_0133



SAM_0134



SAM_0135



SAM_0136



SAM_0137



SAM_0138



SAM_0139



SAM_0140



SAM_0141



SAM_0142



SAM_0143



SAM_0144



SAM_0145



SAM_0146



SAM_0147



SAM_0148



SAM_0149



SAM_0150



SAM_0153



SAM_0154



SAM_0155



SAM_0156



SAM_0157



SAM_0158



SAM_0159



SAM_0163



SAM_0164



SAM_0165



SAM_0166



SAM_0167



SAM_0168



SAM_0169



SAM_0170



SAM_0171



SAM_0172



 

Terza Domenica di Quaresima
Dio non ci salva senza di noi

Vangelo Lc 13,1-9
Se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo.

Dal vangelo secondo Luca
In quel tempo si presentarono alcuni a riferire a Gesù il fatto di quei Galilei, il cui sangue Pilato aveva fatto scorrere insieme a quello dei loro sacrifici. Prendendo la parola, Gesù disse loro: «Credete che quei Galilei fossero più peccatori di tutti i Galilei, per aver subito tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo. O quelle diciotto persone, sulle quali crollò la torre di Sìloe e le uccise, credete che fossero più colpevoli di tutti gli abitanti di Gerusalemme? No, io vi dico, ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo».
Diceva anche questa parabola: «Un tale aveva piantato un albero di fichi nella sua vigna e venne a cercarvi frutti, ma non ne trovò. Allora disse al vignaiolo: “Ecco, sono tre anni che vengo a cercare frutti su quest’albero, ma non ne trovo. Tàglialo dunque! Perché deve sfruttare il terreno?”. Ma quello gli rispose: “Padrone, lascialo ancora quest’anno, finché gli avrò zappato attorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti per l’avvenire; se no, lo taglierai”».