SAM_0196



SAM_0198



SAM_0199



SAM_0210



SAM_0212



SAM_0214



SAM_0215



SAM_0216



SAM_0217



SAM_0223



SAM_0232



SAM_0233



SAM_0234



SAM_0235



SAM_0236



SAM_0237



SAM_0238



SAM_0239



SAM_0260



SAM_0261



SAM_0271



SAM_0272



SAM_0274



SAM_0276



SAM_0277



SAM_0289



SAM_0295



SAM_0296



SAM_0297



SAM_0301



SAM_0305



SAM_0308



Prima Domenica di Quaresima
14 febbraio 2016
Presentazione dei Nubendi
Il Vangelo di questa domenica ci propone le tentazioni di Gesù nel deserto: esse ci fanno sentire Gesù vicino, soprattutto quando attraversiamo periodi difficili della nostra vita. Ma il grande insegnamento che traiamo da questo Vangelo è quello di avere controllo su noi stessi, sui nostri desideri, sulla superbia, sulla voglia di onnipotenza. Da Gesù impariamo a lasciarci guidare dallo Spirito Santo. Questo è un esercizio che dobbiamo innanzitutto fare su noi stessi, ma che possiamo anche fare nei nostri rapporti con gli altri come ci suggeriscono le opere di misericordia spirituale di questa settimana: INSEGNARE AGLI IGNORANTI.
Possiamo, attraverso le nostre buone azioni essere LUCE per gli altri, incoraggiando chi ci è accanto a prendere buone decisioni o aiutando le persone che hanno più difficoltà nella vita ad uscire dal buio del dubbio e dell’ignoranza. Scopriremo in questo modo che MISERICORDIA è LUCE.

Vangelo Lc 4,1-13
Gesù fu guidato dallo Spirito nel deserto e tentato dal diavolo.

Dal vangelo secondo Luca
In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».
Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato.